IL BLOG DI SCHOLA MUNDI

Schola News: Chi è Bosco Ntaganda?

Per più di 10 anni il Generale rwandese Bosco Ntaganda, al comando delle sue truppe ribelli, ha commesso atrocità inaudite  – documentate da  Human Rights Watch – nel territorio congolese nordorientale tanto da essere stato condannato dalla Corte penale Internazionale per crimini di guerra già dal 2006, con l’accusa di aver commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità nel nordest della R.D. del Congo nel 2002 e 2003. Il Generale ha reclutato e usato bambini soldato, ucciso, rapito, stuprato e ridotto donne alla schiavitù e perseguitato la popolazione civile.

Bosco Ntaganda era uno dei capi del gruppo armato ruandese del Congresso Nazionale per la Difesa del Popolo che nel 2009, a seguito degli accordi di pace, era stato integrato, insieme ai suoi uomini, nell’Esercito regolare della R.D. congolese. Nel 2012, sempre con le sue truppe ribelli, aveva guidato l’ammutinamento e la diserzione per unirsi ad altri gruppi nella formazione delle milizie dell’M23 per combattere contro le truppe regolari congolesi e le forze delle Nazioni Unite, sempre nel territorio nordorientale congolese.

Durante gli ultimi negoziati di Kampala (25/2/2013),  il generale  Bosco Ntaganda si ribella alla leadership dell’M23  e riprende i combattimenti contro il Gen. Makeba (1), più propenso agli accordi di pace, il quale, a sua volta,  aveva denunciato il vescovo Jean-Marie Runiga (2) – accusato di “sperpero di fondi” e “appelli all’odio interetnico”.

Vedi Schola News: Chi sono i ribelli dell’M23?

Vedi Schola News: Chi è Sultani Makeba?

Vedi Schola News: Chi è Jean-Marie Runiga? 

Autore: Vito Conteduca - 4/3/2013



L'educazione è un diritto fondamentale, così come il diritto a nutrirsi.

Sostienici: Schola Mundi Onlus - IBAN: IT83 R083 2703 2050 0000 0019 636

Copyright © 2017 Schola Mundi Onlus. All rights reserved.

Tutte le foto del sito sono originali e scattate dai nostri ragazzi o dai nostri amici.

scholamundi@gmail.com

Seguici anche su:

Area riservata: Accedi